Classifica PM10 dal 1 gennaio al 19 febbraio 2008

Classifica PM10 ti tengo d’occhio

NB: per le città in cui il numero di giorni di superamento non è fornito direttamente dalle Arpa o dagli altri enti preposti si è scelto come riferimento la centralina “peggiore” di ogni città (ovvero quella che ha registrato il numero più elevato di giorni di superamento del limite medio giornaliero di 50 µg/m³ previsto per il PM10), indicata tra parentesi.

 

 

città

giorni di superamento del limite previsto per il PM10 per il 2008 (50 microgrammi/m3) numero massimo consentito: 35

aggiornamento del dato

1

Frosinone (scalo)

40

19/02/2008

2

Torino (grassi)

40

17/02/2008

3

Cesena (Via Marconi)

38

19/02/2008

4

Modena (via giardini)

36

19/02/2008

5

LUCCA (carducci)

36

19/02/2008

6

Reggio Emilia (timavo)

35

19/02/2008

7

Vicenza

35

19/02/2008

8

Sondrio (Sondrio)

34

19/02/2008

9

Como (centro)

32

19/02/2008

10

Padova

32

19/02/2008

11

Brescia (villaggiosereno)

31

19/02/2008

12

Milano (pascal-città studi)

31

19/02/2008

13

Treviso

31

19/02/2008

14

Venezia

31

19/02/2008

15

Pescara (piazza grue)

30

19/02/2008

16

Terni (Le Grazie)

29

19/02/2008

17

Mantova (ariosto)

28

19/02/2008

18

Pesaro (via giolitti)

28

19/02/2008

19

Alessandria (lanza)

28

19/02/2008

20

Asti (scuola d’acquisto)

28

19/02/2008

21

Carrara (carriona)

28

19/02/2008

22

Rimini (flaminia)

27

19/02/2008

23

Cremona (fatebenefratelli)

27

19/02/2008

24

Firenze (viale gramsci)

27

19/02/2008

 

 

 
Annunci

Un pensiero su “Classifica PM10 dal 1 gennaio al 19 febbraio 2008

  1. La normativa europea in tema di inquinamento dell\’aria prevede attualmente che non si superino per più di 35 giorni "all\’anno" i limiti attualmente in vigore per l\’inquinamento atmosferico. A lucca nei 50 giorni che vanno dal 1° gennaio al 19 febbraio, giorno dell\’ultima rilevazione considerata nella tabella, ben 35 sono risultati "fuori norma" con una percentuale conseguente del 70% che, in proiezione annuale, significa 252 giorni all\’anno, che sono ben più dei 171 rilevati nel corso del 2006 e che ci ponevano al 109° posto sui 111 comuni capoluogo di provincia esaminati. Soprattutto in questi primi 50 giorni dell\’anno abbiamo già "esaurito il bonus" previsto dalla Commissione Europea per il 2008 che è appena iniziato. Ci domandiamo quindi in quali condizioni ambientali siamo costretti a vivere noi cittadini Lucchesi e quali effetti e ripercussioni tutto questo ha sulla nostra salute. Un\’ultima considerazione tutt\’altro che confortante; la predetta normativa europea prevede che entro il 2010 il numero massimo dei giorni tollerati per il superamento dei parametri previsti si riduca a soli "7" giorni.  A questo punto ci viene spontaneo chiederci come riuscirà Lucca a rientrare in questi limiti in presenza di un trend di crescita quale quello cui stiamo assistendo; cosa si stà facendo in concreto per il rispetto della normativa ma e soprattutto per "la tutela della salute dei cittadini". I tempi sono molto stretti e siamo già in notevole ritardo e certamente non consola neanche il fatto di essere in buona compagnia. Mi auguro che si pensi a soluzioni valide e non, come già avviene in altre realtà, a "spengere le centraline di rilevazione". Oltretutto sono previste pesanti sanzioni economiche per gli inquinatori indefessi che, ovviamente, saranno a carico della "cittadinanza", per cui, è il caso di dirlo "becchi e bastonati"!!!
    Umberto
     

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...