Italia Nostra chiede un nuovo piano urbanistico per Lucca

LUCCA – La richiesta e’ stata avanzata dagli ambientalisti nel corso dell’incontro sul tema dello sviluppo del territorio lucchese promosso all’Auditorium San Girolamo, allo scopo di limitare la cementificazione del territorio.

Il futuro del territorio comunale lucchese, che negli ultimi anni ha vissuto una frenetica attivita’ edilizia e di trasformazioni, e’ stato al centro della giornata di studio promossa all’auditorium San Girolamo dall’associazione Italia Nostra. Di fronte ai rappresentanti degli enti locali e dell’imprenditoria, gli ambientalisti hanno proposto i loro obiettivi per arginare il dilagare della cementificazione.In particolare gli ambientalisti hanno chiesto un dibattito pubblico per decidere il destino dei grandi contenitori del centro storico, come la ex manifattura Tabacchi e il Mercato del Carmine. E di porre un limite con nuovi strumenti urbanistici al progettato insediamento di viale Einaudi a Sant’Anna. Per qualsiasi correzione bisogna procedere con i piedi di piombo e nel rispetto delle leggi, ha risposto il sindaco di Lucca Mauro Favilla, che non si e’ sbilanciato sulla possibilita’ di ricorrere ad un nuovo piano urbanistico.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...